Il pilota condannato per essersi munito di un coltello. Il team Bike Devil rescinde unilateralmente.

Un brutto fattaccio potrebbe metter fine alla carriera di Danny Kent. Il Campione del Mondo moto3 2015 è stato infatti condannato a 4 mesi di carcere per essersi munito, durante una rissa, di un coltello con lama di 6 pollici. La pena, sospesa momentaneamente per un anno, è stata inflitta dopo l’ammissione di colpa del pilota inglese, armatosi durante una lite dove sarebbe stato coinvolto il fratello. Il motivo pare essere legato ad un debito. Da chiarire comunque che non è stata inferto alcun colpo; pare che l’arma sia stata utilizzata per motivi intimidatori.

Non si è fatta attendere la risposta del team Bike Devil Mv Agusta, che aveva ingaggiato Kent a partire dal round di Snetterton: recissione unilaterale del contratto, dopo appena due round insieme. Al suo posto è stato chiamato l’esperto Gino Rea, impegnato attualmente nell’Endurance e con un recente passato nel BritishSBK.
Con un trascorso nel Mondiale SSP (dove tra l’altro ha usato per due stagione la Mv Agusta F3), Rea aveva accettato lo scorso anno la proposta del team OMG Suzuki approdando così nel Campionato Inglese. Nonostante manovre spettacolari e qualche risultato in zona punti, l’annata al di sotto delle aspettatitive non ha trovato seguito. In ogni caso, Gino conosce bene il circuito di Cadwell Park, sede dell’imminente weekend di gare (qui gli orari), motivo che ha contribuito alla sostituzione.

Commenta