Il vice-campione STK1000 2018 pronto all’assalto al titolo con la nuova S1000RR gestita dal team bolognese, al lavoro per schierare una seconda moto.

L’esperto team manager Mirco Guandalini scende di categodia per il 2019 abbandonando il WorldSBK. La poca visibilità e la scarsa competitività riservata alle squadre private hanno convinto il patron dell’omonimo team ad iscriversi al Campionato Italiano Velocità, e per provare ad interrompere il dominio firmato Pirro/Ducati si servirà del talento di Roberto Tamburini. Il pilota riminese, secondo lo scorso anno nella defunta Superstock1000 dietro a Markus Reiterberger, avrà a disposizione la nuova BMW S1000RR. Prosegue per lui quindi il sodalizio con la casa tedesca, con la quale nel 2018 è riusciuto a conquistare una vittoria (Portogallo) ed altri 7 podi.

“Sono molto contento di entrare nel Team Guandalini con un programma molto ambizioso” -le parole del pilota classe ’91, che prosegue- “Non vedo l’ ora di provare la nuova BMW anche se purtroppo arriverà un po’ tardi. La squadra stà allestendo una struttura tecnica molto forte che ci permetterà di trovare il set up ottimale al più presto e di essere protagonisti nel CIV. Cercheremo con l’aiuto di BMW di fare un campionato importante, consapevoli del livello elevato. Ringrazio Mirco Guandalini e tutti i partner.”

Soddisfazione anche da parte di Mirco Guandalini, al lavoro per schierare una seconda moto: “Sono entusiasta di iniziare questa nuova avventura con i partner che ancora una volta mi hanno dato fiducia. Il team grazie all’ingresso di uno sponsor di rilievo avrà le basi per organizzare un futuro programmato alla crescita. Sono inoltre molto contento di avere raggiunto un accordo con Roberto Tamburini, un pilota di indiscusse potenzialità, oltre al fatto di tornare a lavorare con un marchio così prestigioso come BMW. Ora ci aspetta un duro lavoro!”

Commenta