Interamente rinnovata la Supersportiva di casa BMW.

A dieci anni di distanza dal lancio della prima S1000RR, BMW ha deciso di rimettere mano alla propria supersportiva sconvolgendone completamente il progetto iniziale: la casa tedesca ha scelto il salone EICMA di Milano per togliere i veli alla nuova creatura, in presenza dei due piloti titolari nel WorldSBK 2019 Tom Sykes e Markus Reiterberger. Ricordiamo che la casa bavarese si appoggerà alla struttura di Shun Muir nella prossima stagione (Qui i dettagli).

MOTORE

Il nuovissimo 4 in linea bavarese ultracompatto sviluppa ora una potenza massima che sale a 207 cv a 13.500 giri e coppia che arriva 113 Nm a 10.500 giri, ed è dotato del sistema ShiftCam di fasatura variabile che interviene elettronicamente su alzata e fasatura, per migliorare erogazione e potenza massima, sopratutto ai medi regimi. Riprogettate bielle, valvole di aspirazione (ora in titanio), bilancieri a dito e testata, per un peso inferiore di ben 4 kg rispetto al propulsore precedente. Limitatore fissato a 14.600 giri. Rivisto anche il sistema di scarico, di tipo 4-2-1, sceso di ben 1,3 kg.

CICLISTICA

E’ una completa novità anche il telaio, battezzato dai tecnici tedeschi Flex Frame: più compatto, con piastre laterali e del canotto alleggerite e elementi esterni ristretti per abbracciare il propulsore che svolge funzione portante, il tutto per un calo di peso di 1,3 kg rispetto all’antecedente. Il forcellone presente una capriata inferiore di irrigidimento più leggera di 300 grammi e pivot regolabile con un range di +2 mm/0/-2mm. Alla sospensione anteriore (passata da 46 a 45 mm) con forcelle semi-attive (ma con possibilità di averle meccaniche) è abbinato un mono “Full Floater” che può essere dotato di DDC (Dynamic Damping Control), il particolare sistema che consente la regolazione elettronica dello smorzamento. L’interasse totale è passato a 1441 mm (1432 mm per il vecchio modello).

ELETTRONICA

Rivoluzionato anche l’aspetto elettronico: presente una piattaforma inerziale IMU a 6 assi che oltre all’ABS Pro gestisce evoluti controlli di trazione, anti-wheelie, lounch-control e freno motore, ora regolabile. Ai quattro riding-mode  (Rain, Road, Dynamic e Race) si possono affiancare le mappature “Race Pro 1, Pro2 e Pro3”, che permettono il settaggio personale di ogni controllo partendo dalla mappatura scelta in precedenza. Nuovo dashboard TFT da 6,5″ con visualizzazione di angolo di piega istantaneo e registrazione del massimo raggiunto, nonché del valore di accelerazione. Immancabile il cronometro con memorizzazione del best lap. Impianto di illuminazione FULL-LED.

ESTETICA ED AERODINAMICA

Addio alle famose “branchie” laterali e al faro asimettrico, simbolo del precedente design: la nuova S1000RR presenta un cupolino più piccolo che abbraccia i due fari anteriori posizionati nella parte inferiore. Telaietto in traliccio decisamente più piccolo al posteriore, tutto in funzione dell’alleggerimento generale: il peso in ordine di marcia è ora di 197kg, ben 10 kg in meno rispetto al vecchio modello. Nuovi i cerchi (-1.6 kg), e in optional disponibili anche forgiati o in fibra di carbonio (pacchetto M). Cambiano l’inclinazione del cannotto di sterzo e l’avancorsa, che passano rispettivamente da 23,5° a 23,1°, e da 96,5 a 93,9 mm. Due i colori disponibili: bianco con particolari blu/rosso o total red.

 

Commenta