Kevin Manfredi alla vigilia della 24 Heures du moto parla a Sbk italia; ecco la sua intervista.

Kevin Manfredi è pronto per la 41esima edizione della 24 ore di Le Mans dedicata alle due ruote. In questa competizione difenderà i colori del team 33 Accessoires – Louis Moto Kawasaki insieme a Corentin Perolari, Leesch Chris e Hardt Jonathan (4ªguida).

Ecco cosa ci ha raccontato il giovane talento italiano:

La prima curiosità naturalmente è sulla 24 ore;non è la tua prima, ci racconti come funziona?

Questa è la mia terza 24 ore e seconda Le Mans. Un po’ di esperienza me la sono fatta ma non è mai abbastanza.

Hai già fatto dei test? Come ti trovi con la moto?

Abbiamo fatto i test pre Le Mans ma siamo riusciti a provare poche cose a causa del meteo ballerino. Ciò che ci interessava di più sviluppare si basava su condizioni di pista asciutta quindi siamo dovuti ripartire da zero. Martedì abbiamo finalmente provato in condizioni ottimali e siamo andati subito forte. Grazie alla buona intesa con il team possiamo essere subito competitivi.

A proposito di team, quest’anno sei l’unico italiano: È difficile farsi capire oppure no?

Il team parla solo francese mentre l’altro mio compagno è belga ma, facendo l’università in lingua inglese, ci capiamo velocemente senza alcuna difficoltà. Questo mi aiuta perché  lui fa il tramite in francese. Non mancano i toni alti sia da parte mia che del team ma sono sinonimi di grande impegno e riusciamo a capirci anche in questo modo.

Quali difficoltà ( se ci sono) trovi a passare da un 600 a un 1000 in pochi giorni?

Onestamente tutta questa differenza non c’è. Nel corso degli anni le moto si sono evolute e le prestazioni si sono livellate. Avevo paura di fare fatica ma in realtà non è stato così.

Uno sguardo al Civ, primo weekend da 10 in pagella. Cosa vuoi dire ai tuoi avversari?

Nel primo weekend siamo andati bene e non mi aspettavo di andare così forte. Ho avuto solo sensazioni positive grazie alla squadra che mi ha messo a disposizione un mezzo all’altezza in grado di farmi restare davanti un po’ in tutti i turni, negli anni passati era più difficile. Ai miei avversari dico che voglio vincere io e quindi si devono far da parte ( sorride)

Le Mans positiva se finisci/arrivi? 

Va bene se vinco.

Un Kevin Manfredi molto motivato e carico, pronto a dar battaglia in ogni occasione con un obiettivo preciso: vincere.

 

 

 

Commenta