Al Paul Ricard sono andati in scena i test pre Bol d’Or, gara inaugurale del mondiale Endurance 2018-2019 

Archiviato il mondiale Endurance 2017-2018 da poche settimane ed è già tempo di pensare ad un nuovo campionato. La gara inaugurale è, come di consueto, Il Bol d’Or. Nelle giornate di martedì 28 agosto e mercoledì 29 sono andati in scena i test dedicati alla prima 24 ore in calendario. Alcuni team dopo esser stati al centro del “mercato piloti”, spinti a rivoluzionare i propri equipaggi in seguito all’abbandono dell’endurance di GMT94 , liberando così i propri piloti, hanno svolto le varie comparative tecniche. Nell’arco dei 2 giorni di test, Yamaha Yart ha strappato il miglior crono con i propri piloti Max Neukirchner ( riserva), Marvin Fritz, Brock Parkes e il nostro Niccolò Canepa.

La classifica, come in ogni test, non ha valenza. Si può però scorgere del potenziale di ogni team in vista della gara prevista il 15 e 16 settembre.

Tanta Italia protagonista, oltre al citato Canepa troviamo il team no limits ( Christian Gamarino, Luca Scassa e Michel Mazzina) in forma così come Kevin Manfredi (alfiere team 33 Louit Moto).

Novità per quanto riguarda la “griglia” di partenza. Yamaha Vitaliss ( numero 333) passa da una configurazione stock ad una EWC. Anche i campioni in carica della categoria Superstock Tati Team, passeranno in configurazione EWC a partire da Le Mans, quindi dopo il Bol D’or, in sinergia con il team giapponese trickstar.

Non tutti i team erano presenti sul tracciato di Le Castellet, perciò la vera potenzialità di ogni equipaggio sarà verificata solo in gara. Nel paddock trapela addirittura una possibile partecipazione del team Grillini, fresco di assoluzione dal processo giudiziario spiacevolmente intercorso pochi mesi prima dell’inizio del mondiale SBK.

Ricordiamo l’appuntamento del 15 e 16 settembre, in attesa di una gara da brividi lungo le 24 ore.

Commenta