Al termine di una battaglia con Yamaha gmt94 durante l’arco delle 8 ore, Yamaha Yart conquista il successo in Slovakia. Terza piazza per F.C.C. TSR Honda.

Al terzo appuntamento stagionale del mondiale endurance 2017-2018 Yamaha Yart conquista la vittoria al termine delle 8h of Slovakia Ring. Troppo spesso il team austriaco è riuscito ad essere competitivo nelle prove senza però incidere in gara, rimanendo vittima dei tanti errori commessi. Anche in Slovakia la partenza non è stata del tutto pulita, Broc Parkes è stato costretto a rincorrere il gruppo dei migliori.

Le prime battute di gara sono state concitate, tutti i top team vicini pronti a dar battaglia senza nessun timore reverenziale. A fare le spese di questo inizio è Kawasaki Src che con Randy de Puniet alla guida commette una scivolata banale, pregiudicando così la gara del team. Sulla durata escono le due Yamaha, Gmt94 e Yart. Grazie alla strategia di un pit stop in meno Yamaha YART arriva con quasi 30 secondi di vantaggio all’ ultimo stint, permettendo di mantere la testa e finalizzare il successo. Gmt94 con il secondo posto odierno accorcia le distanze nella classifica iridata, riducendo il ritardo ad un solo punto di distanza da F.C.C. TSR Honda. Il team Francese conquista la terza posizione di giornata, archiviando il secondo podio consecutivo dopo la vittoria di Le Mans.

Categoria Superstock:

Nella categoria superstock Yamaha Vitais Experience conferma l’ ottimo passa gara mostrato nelle libere e conquista la vittoria di categoria davanti ad Atomic 68 e Gert 56. Colpi di scena dal primo all’ ultimo giro. Ad aprire le danze è, purtroppo, Roberto Rolfo che finisce nella ghiaia nel secondo giro di gara. Sfortuna anche per No Limits racing team dei nostri Gamarino, Mazzina e Scassa. Il genovese è stato vittima di un problema al cerchio posteriore che ne ha pregiudicato l’andamento della gara quando si trovava a ridosso dei leader di categoria. Grazie alla caparbietà di tutto il team di Moreno Codeluppi e dei suoi piloti sono riusciti a portare la Suzuki fino alla 4 posizione di categoria (conquistata negli ultimi 10 minuti) e 15° finale. Il colpo di scena finale riguarda la terza posizione del podio, occupata dal junior Team Suzuki che a 10 minuti dal termine delle 8h rompe il motore quando in sella c’era Luis Rossi. Menzione anche per il team Avio Bike di Baggi e dei fratelli Napoli che hanno lottato contro le difficoltà di elettronica per tutta la gara, riuscendo a portare a termine la 8h of Slovakia Ring.

Commenta