Yamaha Yart guida, amministra e lotta portandosi a casa per il secondo anno consecutivo la 8 ore dello Slovakiaring. Sert e FCC TSR HONDA completano il podio.

Yamaha Yart completa una settimana pressoché perfetta, dopo la pole position la squadra austriaca vince la 8 ore dello Slovakiaring. La prima fase di gara ha visto un’accesa battaglia con Honda Endurance e FCC TSR Honda, fino al momento cruciale del sorpraggiungere della stanchezza. Senza commettere errore alcuno, la casa dei tre diapason bissa il successo dello scorso anno. Honda Endurance è l’ultima ad alzare bandiera bianca all’equipaggio formato dal nostro Niccolò Canepa, Broc Parkes e Marvin Fritz. L’abbandono dei sogni di gloria va attribuito ad una scivolata, intercorsa nel periodo di gara in cui la pioggia ha fatto capolino. Seconda posizione per Suzuki Endurance Racing. La squadra composta da Gregg Black,Vincent Philippe ed Etienne Masson agguanta il secondo posto di giornata e la leadership in campionato. Chiude il podio FCC TSR Honda dopo una gran rimonta. Capitanati da Mike di Meglio ( autore del best lap in gara) la squadra campione del mondo risale posizioni dopo un problema ai freni riscontrato dopo la prima  ora di gara.

Superstock:

In superstock lo Junior Team Suzuki (Louis Rossi, Hugo Clère e Alexis Masbou) ottiene la vittoria di categoria davanti a Kawasaki  BMRT 3D Maccio Racing (Anthony Loiseau, Jimmy Maccio e Jonathan Hardt) e il Team 33 Coyote Louit Moto (Enzo Boulom, Chris Leesch Kevin Manfredi). Ennesima prova di grande manico per Kevin Manfredi che è stato costantemente tra i più veloci durante tutta la gara. Una 8 ore dolce amara per il team No limits. Il team #44, che era partito davvero forte con Gamarino, ha chiuso il primo stint a pochi decimi da Manfredi, primo di classe, per poi terminare la gara in P6 di categoria. Gert56 guida la classifica generale.

Ecco la classifica

 

 

Commenta