Luca Marini non si ferma più e conquista la pole position del Gp del Giappone, sul circuito di Motegi. Per la lotta campionato bene Fernandez, secondo, che partirà davanti a Baldassarri, tornato finalmente competitivo. Marquez, quarto, aprirà la seconda fila.

Qualifiche tirate fin da subito in quanto la pioggia delle FP3 ha congelato le posizioni ottenute nella giornata di venerdì, obbligando alcuni big a passare dalla Q2. Alla fine la spunteranno Remy Gardner, Jorge Navarro, Marco Bezzecchi e Somkiat Chantra. Andrea Locatelli manca l’aggancio alla Q2 per 0.017”. Non superano la Q1 neppure Fabio Di Giannantonio (21°) e Mattia Pasini (23°).

La Q1 si apre con la pista che inizia ad asciugarsi lasciando intravedere “macchie” di asfalto asciutto.
In condizioni miste si trova a suo agio Lorenzo Baldassarri che si dimostra competitivo fin da subito. La lotta per la pole position entra nel vivo coinvolgendo anche Luca Marini, Jorge Fernandez ed Alex Marquez.

Le condizioni della pista sembrano mettere a proprio agio Marco Bezzecchi, il quale rimane però senza benzina quando mancano 5 minuti alla fine del turno. Riuscirà a rientrare chiudendo in 8° posizione.
Nel frattempo la pista continua ad asciugarsi e Brad Binder, non velocissimo fino a quel momento, tenta le slick, seguito poco dopo da Remy Gardner. La scelta, per entrambi, non si rivelerà vincente, relegandoli, rispettivamente, al 18° e 10° posto.

Al termine del turno il miglior tempo è quello fatto registrare da Luca Marini che, dopo la vittoria in Tailandia, conquista così la 3° Pole Position di carriera. Seconda posizione per Augusto Fernandez che conferma la propria solidità nella lotta per il campionato. Ottimo terzo posto per Lorenzo Baldassarri, che appare tornato finalmente competitivo.

Il “funambolo” del venerdì, Alex Marquez, aprirà la seconda fila, seguito da Jorge Navarro e Somkiat Chantra.
Buona prestazione anche di Stefano Manzi su MV Augusta che chiude in 11° posizione.

L’appuntamento con la gara è per domani alle 06.30 italiane.
Qui di seguito la griglia di partenza completa:

 

 

Commenta