Tony Arbolino si impone nella classe leggera battendo all’ultimo giro Lorenzo Dalla Porta che chiude secondo. A completare il podio Jakun Kornfeil.

Si spengono i semafori sul circuito olandese di Assen per la classe Moto3. A tagliare per primo il traguardo, per la seconda volta in stagione è Tony Arbolino, precedendo Lorenzo Dalla Porta. A completare il podio, per la prima volta in stagione, è Jakub Kornfeil. Il pilota della Repubblica Ceca riesce  concretizzare il buon lavoro fatto durante tutto il weekend.

Al via del gran premio è Niccolò Antonelli a sorprendere tutti e a girare per primo alla prima curva. Dopo alcuni passaggi in cui il plotone di piloti rimaneva compatto, è Kaito Toba a prendere la leadership della corsa. Una buona partenza anche per Romano Fenati che dalla tredicesima posizione riesce subito a risalire e a mettersi nelle posizioni che contano.

Il passo gara non è velocissimo e questo fa si che i piloti a contendersi le prime posizioni siano davvero tanti. In questo tracciato, da un layout molto tortuoso, i contatti sono inevitabili. Infatti un’entrata di Darryn Binder costringe Niccolò Antonelli a tagliare l’ultima variante. Il pilota del Team Sic58 decide così, di sua spontanea volontà e senza nessuna comunicazione, di effettuare il Long Lap Penalty rientrando così in fondo al gruppo, in ventiquattresima posizione. Il pole man è così chiamato a una rimonta in soli 12 giri dalla fine della gara.

Un ruolo decisivo in questo gran premio lo ha giocato la curva 5. Una staccata calibrata male da Marcos Ramirez porta alla caduta di ben quattro piloti, Tatsuki Suzuki, Celestino Vietti, Kaito Toba e Raul Fernandez escludendoli così da un buon risultato.

I colpi di scena non sono finiti qui. A comandare la gara è ora Jakub Kornfeil che, per aver tagliato anche lui l’ultima variante e non aver rallentato è costretto a un Long Lap Penalty. Escluso così dalla vittoria a pochi giri dalla fine, il gradino più alto del podio se lo contendono Dalla Porta e Arbolino. I due italiani sono riusciti a creare un gap di 1.5 secondi. Alla fine, a tagliare per primo il traguardo è Arbolino riuscendo a superare il Pilota toscano proprio nelle ultime curve.

Niccolò Antonelli riesce a rimontare e a chiudere la gara in ottava posizione, Davanti a Dennis Foggia, autore di un’altra rimonta. Aron Canet, ancora leader del mondiale, chiude in dodicesima posizione.

A seguire la classifica completa della gara:

Commenta