Tra le tante imprese eroiche che nella storia hanno reso il motociclismo uno sport così affascinante, oggi vogliamo ricordare quella fatta da Jorge Lorenzo in occasione del GP di Assen del 2013. 

COSA ACCADDE:

Il venerdì pomeriggio, durante il secondo turno di prove libere sul circuito di Assen, Jorge Lorenzo cade e si fa male. Trasportato a centro medico, al campione maiorchino viene diagnosticata la frattura scomposta della clavicola.

Dopo una prima analisi del referto pare che il pilota Yamaha debba saltare ben 2 Gran Premi complicando in maniera notevole la corsa al titolo iridato. Il numero 99 però sembra non essere d’accordo con il parere dei medici del circuito e poche ore dopo sale su un aereo diretto a Barcellona per farsi operare d’urgenza alla clavicola.

Nemmeno il tempo di far passare l’effetto della anestesia e Jorge si trova già sul volo di ritorno, direzione Assen!

Il pilota majorchino a meno di 48 ore dalla delicata operazione alla clavicola, prende parte al warm up del mattino e chiude con l’ottavo tempo a 7 decimi dal best time del suo compagno di squadra. La nota interessante è che Lorenzo nei primi due settori è stato il più veloce di tutti.

Dopo aver ottenuto l’OK dai medici, l’eroe di giornata prende parte alla gara e dopo una rimonta partita dalla 12esima casella riesce incredibilmente a concludere il GP d’Olanda in quinta posizione! Un’ impresa epica che consente a Lorenzo di perdere solamente 2 punti dal diretto avversario alla corsa al titolo Dani Pedrosa.

COME FINI LA STAGIONE:

Nella tappa tedesca Jorge Lorenzo non prenderà parte alla gara a seguito di una caduta nelle prove libere che gli causa la piega della placca inserita nella clavicola fratturata.

Il titolo di campione del mondo 2013 va al debuttante Marc Marquez. Lorenzo dovrà accontentarsi del secondo posto in campionato.

Un gesto eroico e leggendario, passato velocemente in secondo piano dopo che a vincere la gara di Assen fu un certo Valentino Rossi. 

Commenta