Marc Marquez mette in scena la superiorità che lo ha contraddistinto per tutto il week end e vince con distacco. Dovizioso secondo limita i danni davanti a Jack Miller. Sesto Rossi, primo delle Yamaha. 

Fin dall’inizio del Week end di gara di Brno, si preannunciava una domenica rocambolesca, incerta dal punto di vista metereologico. Come ogni anno, le aspettative non sono state deluse con la pioggia che ha iniziato a cadere a pochi istanti dalla partenza.

Piloti ai box e partenza ritardata a orario da definirsi causato da uno scroscio di pioggia, immediatamente interrotto che ha bagnato la pista a tratti. Dopo diversi giri di safety car, la gara scatta con la formula del Quick Start e giri ridotti a 20.

Allo spegnimento dei semafori, non curante delle condizioni dell’asfalto, Marc Marquez è il più lesto, conquistando immediatamente la testa della corsa. Dietro di lui, Dovizioso cerca di tenere la scia, seguito da Rins e Miller. Poco staccati da loro Pol Espargaro e Valentino Rossi. Difficoltà invece per Maverick Vinales che sembra incapace di rimontare.

Corsa piuttosto statica con il quartetto di testa unito ma senza sorpassi, mentre nelle retrovie Petrucci e Quartararo iniziano la rimonta. Nel frattempo la prima caduta della gara con Mir e Morbidelli finiti a terra per un contatto. Nessuno dei due è stato poi in grado di rientrare in gara.

Intorno a metà gara Marquez aumenta il ritmo mettendo in crisi gli inseguitori ed immagazzinando un distacco sempre più sostanziale. Il secondo gruppetto invece si anima di sorpassi quando Rossi e Crutchlow sopravanzano Pol Espargaro. Nonostante la qualifica migliore di sempre per la KTM, sull’asciutto il gap dagli avversari è ancora marcato.

Sul finale di gara Marc Marquez aumenta ancora il suo vantaggio portandolo sopra i due secondi, infrangendo ogni sogno di vittoria di Andrea Dovizioso. Si fa minaccioso invece Jack Miller ad insidiare il terzo posto di Alex Rins, leggermente in calo nel finale.

Marc Marquez conclude l’ultimo giro come se fosse quello d’onore godendosi gli applausi dei tifosi per una gara eccezionale. Dovizioso secondo ritorna sul podio dopo un periodo non semplice per la Ducati. Sul finale si prende il terzo posto finale Jack Miller sopravanzando la Suzuki di Alex Rins, quarto sotto la bandiera a scacchi. Quinto posto finale per Cal Crutchlow con la Honda del Team LCR davanti a Valentino Rossi, migliore delle Yamaha.

Settimo posto di Fabio Quartararo a precedere Petrucci e Nakagami. Decimo posto finale per Maverick Vinales, visibilmente deluso dopo gli ottimi tempi visti per tutto il week end.

La classifica mondiale non subisce visibili cambiamenti se non per l’incrementarsi inesorabile del vantaggio di Marc Marquez su tutti gli avversari. Prossimo appuntamento stagionale sul Red Bull Ring dove la Ducati potrebbe dominare su tutti, forse anche su Marquez.

Seguono le classifiche complete di Gara e Campionato:

Commenta