Quartararo spicca nella giornata di test sul circuito di Brno. Dietro di lui Vinales e Morbidelli. Debutta la Yamaha M1 2020, novità di ciclistica per Honda e Ducati. Spaventosa caduta per Mir, senza gravi conseguenze.

Il test di Brno rappresenta ogni anno il vero punto di partenza della stagione successiva portando in pista i prototipi delle nuove moto. Se il risultato della giornata di oggi fosse un’anticipazione della prossima stagione, sorriderebbe a Yamaha. La casa dei tre diapason, infatti, ha piazzato tre moto nei primi tre posti a fine giornata. Fabio Quartararo è stato il più veloce con il tempo di 1.55,616 precedendo Maverick Vinales e Franco Morbidelli. Sesto posto a fine giornata invece per Valentino Rossi, il pilota Yamaha che ha testato più novità in assoluto.

Il Team Yamaha ha portato in pista numerose novità in vista della prossima stagione, come il primo prototipo della nuova M1, guidata da Valentino Rossi. La nuova moto presenta un codino in carbonio con una forma snella ma con una sezione più pronunciata, probabilmente in grado di variare la distribuzione delle masse. Nuova anche la carenatura anteriore, apparsa più nella e spigolosa nella zona del capolino, mentre è più chiusa nelle zone laterali. Novità importanti, a testimonianza del fatto che Yamaha si sta impegnando con tutte le forze per colmare il gap con gli avversari. Non finiscono qui le novità in casa Monster Energy, infatti a disposizione di Valentino è stato portato un nuovo motore, che potrebbe equipaggiare le nuove M1. A supporto del Team ufficiale, Fabio Quartararo ha testato una nuova forcella anteriore in carbonio.

In foto il prototipo della M1 2020 con nuovo codino e nuova carenatura.
Dettaglio del nuovo cupolino portato da Yamaha nel prototipo della nuova M1

Lavoro importante anche in casa Honda che ha messo a disposizione di Marc Marquez tre differenti moto con importanti novità di ciclistica. Il pilota Spagnolo infatti ha richiesto a Honda una maggior aderenza durante la percorrenza di curva per poter stressare meno la gomma anteriore. Fatti ulteriori test anche su nuove soluzioni aerodinamiche. A fine test, Marquez si è detto molto soddisfatto, specialmente in previsione del prossimo GP in programma questo fine settimana. Il pilota di Honda ha concluso la giornata in ottava posizione, senza cercare mai il giro veloce, lavorando piuttosto in previsione gara.

Qualche novità anche in casa Ducati dove Dovizioso e Petrucci hanno testato alcune soluzioni ciclistiche per superare le difficoltà di inizio stagione. In particolare Ducati ha portato un nuovo forcellone per entrambi i piloti. Dovizioso ha spiegato a fine giornata come i lavori di ciclistica saranno in futuro più invasivi di quanto visto in questo test. Novità che dovrebbero essere disponibili per i test di Misano. I piloti Ducati hanno concluso la giornata in decima posizione Petrucci e in dodicesima Dovizioso.

Lavoro simile in casa Suzuki, dove è stato portato ai piloti un nuovo forcellone. Alex Rins ha concluso la giornata in quinta posizione poco staccato dalla vetta. Passi avanti per Joan Mir che ha stampato il settimo crono finale nonostante la paurosa caduta rimediata nel finale alla velocissima curva uno.

I piloti della MotoGP saranno di nuovo in pista nel prossimo fine settimana sul Red Bull Ring, in Austria.

A seguire la classifica complessiva della giornata di test di Brno:

Commenta