La casa austriaca divorzia anticipatamente dal francese, che rimane comunque a disposizione fino al termine della stagione: “ora per noi è più importante fare sviluppo”.

Pare che i colpi di scena non conoscano fine nel rapporto tra KTM e Johann Zarco. E’ notizia odierna che la casa austriaca ha deciso di appiedare il francese per sostituirlo con il tester Mika Kallio fino al termine del 2019, a partire dall’imminente tappa di Aragon (qui tutti gli orari).

Il contratto, che come da noi già riportato sarebbe dovuto terminare anticipatamente alla conclusione di questo anno, subisce un’ulteriore modifica nonostante il pilota rimanga comunque a disposizione del box arancio, come confermato dal patron Pit Beirer. “Adesso dobbiamo prendere decisioni che ci diano vantaggio tecnico” -ha commentato il direttore tecnico KTM, che ha proseguito- “Crediamo che grazie alle sue conoscenze Kallio possa essere una risorsa in ottica 2020. Ha dimostrato le sue abilità sulla RC16 e siamo felici che si unisca alla line-up come pilota. Ora dobbiamo pensare al futuro, e questo passo ne è una conseguenza. KTM continuerà a supportare Johann fino alla scadenza del nostro contratto, ovvero fino alla fine del 2019. Gli auguriamo comunque davvero tutto il meglio per il suo futuro.”

Negli ultimi sei round stagionali, il Campione Moto2 2015 e 2016 farà dunque da spettatore (pagato), nonostante qualche piccolissimo miglioramento visto nel round appena concluso di Misano. Resta incertezza sul suo futuro, nonostante il pilota si sia proposto addirittura come tester vista la mancanza di selle libere.

Commenta