Marc Marquez domina la gara di Le Mans creando il vuoto alla bandiera a scacchi. Dovizioso e Petrucci completano il podio davanti a Miller. Cade Vinales. 

Se un campione si vede da come si rialza dopo una caduta, Marc Marquez non lascia più dubbi. Il fenomeno di casa HRC non ha lasciato la minima possibilità agli avversari di giocarsi la vittoria, proprio come a Jerez.

Dopo lo spegnimento del semaforo, la formica atomica ha preso subito la testa della corsa cercando di creare gap. Dietro di lui, a tenere il passo sembra essere solo Jack Miller, che riesce a prendere per qualche curva la prima posizione. Bastano poche curve per assistere al primo vero colpo di scena che esclude dalla corsa Vinales. Lo spagnolo, dopo un avvio complicato che lo vedeva combattere per le ultime posizioni, è stato centrato dalla moto di Pecco Bagnaia, vittima di un High Side.

Bastano poche curve a Marquez per riprendere la testa della gara ai danni di Miller e imprimere un passo gara troppo veloce per tutti. intorno a metà gara, si costituisce un terzetto di sole Ducati, grazie alla prepotente rimonta di Danilo Petrucci che anima la lotta per il podio. in quinta posizione, leggermente staccato dalle Ducati, Valentino Rossi cerca di guidare sopra i problemi della sua Yamaha.

Nelle retrovie, fa segnare giri veloci l’idolo di casa Fabio Quartararo. il francese, dopo essere partito dalle retrovie ed essere stato autore di un errore, imprime un gran passo di gara. Sulla bandiera a scacchi, Quartararo riuscirà a concludere ottavo.

Si anima, a pochi giri dalla fine, la lotta per il secondo ed il terzo gradino del podio. Danilo Petrucci, inizia ad affondare staccate al limite sul compagno di squadra. Nonostante i tentativi, Dovizioso si dimostra un osso durissimo, rispondendo ad ogni attacco con incroci di traiettorie fulminei.

Sul traguardo infatti, sarà la Ducati numero 04 ad agguantare il secondo gradino del podio relegando Danilo Petrucci al terzo posto. Conclude in quarta posizione Jack Miller davanti a Valentino Rossi, mai in lotta per il podio. Ottimo sesto posto finale per Pol Espargaro con la prima delle KTM.

Ancora una gara difficile per Jorge Lorenzo. Lo spagnolo neo acquisto della Honda, si era dichiarato fiducioso dopo le FP3 dove aveva mostrato passi in avanti. Non è stata però all’altezza la gara, però, conclusa in undicesima posizione. Deludente decima posizione per Alex Rins, protagonista di un week end opaco. Ultimo Joan Mir, dopo essere caduto nel giro di allineamento insieme a Karel Abraham.

A seguire la classifica completa della corsa:

Commenta