Il ternano ha fatto registrare il tempo più veloce dei test malesi seguito da un  velocissimo Francesco Bagnaia.

L’ultimo giorno di test sul circuito di Sepang si è chiusa nel segno della Ducati. Danilo Petrucci in sella alla sua GP19 ha fermato il cronometro a 1″58’239, record assoluto del circuito. Dietro di lui il rookie Bagnaia si è dimostrato rapidissimo, accusando un distacco di soli 63 millesimi. Al terzo posto troviamo Jack Miller in sella alla seconda Ducati gestita dal team Alma Pramac. Andrea Dovizioso, staccato di 3 decimi dal compagno di squadra in vetta alla classifica, chiude il quartetto delle moto di Borgo Panigale ai vertici della classifica.

Ci ha pensato Maverick Viñales a spezzare il dominio delle “rosse”: con un impressionante numero di giri portati a termine (79) lo spagnolo chiude quinto. I segnali proveniente da Yamaha sembrano essere positivi per il momento, anche se, come dichiarato dai piloti stessi, la strada da fare è ancora molta. Anche Valentino Rossi (10°) ha trascorso molto tempo in pista, completando 61 giri, e chiude a 0’916 dalla prima posizione. Continua il lavoro anche per il nuovo team Yamaha PetronasFranco Morbidelli porta la sua M1 in ottava posizione, più attardato Quartararo (16°).

Il primo pilota Honda in classifica è Cal Crutchlow, in ripresa da un serio infortunio, e chiude sesto con un tempo di 1″58’780. Anche per Marc Marquez (11°) la forma fisica si è rivelata un limite visti i dolori alla spalla percepiti dopo la brillante prima giornata di questi test. Bradl (13°) è sceso in pista per sostituire Lorenzo infortunato. Si conferma su buoni livelli anche Takaaki Nakagami (9°).

Un guizzo di Aleix Espargarò porta l’Aprilia al settimo posto, a 0’783 dal primo posto in classifica. Il compagno Andrea Iannone non ha preso parte all’ultima sessione a causa di un’infezione, al suo posto Bradley Smith (23°).

Più arretrate le Suzuki di Rins (12°) e Mir (15°) rispetto ai giorni scorsi, ma continua il fondamentale lavoro di raccolta dati visti i numerosi giri svolti dai piloti e dal tester Guintoli (22°).

Grande lavoro da svolgere anche per KTM che si ritrova a rincorrere le concorrenti. I due piloti ufficiali, Zarco ed Espargaro, hanno concluso la sessione rispettivamente al 17° e 18° posto.

Classifica completa:

Commenta