A poche ore dalla conclusione del gran premio del Montmelò i Team del motomondiale si sono impegnati in una giornata di test.

Dopo una gara che non ha sorriso dal Team Yamaha Monster Energy la giornata di test del lunedì regala il miglior tempo a Maverick Vinales. Lo spagnolo della casa dei tre diapason è anche l’unico pilota ad essere sceso sotto il muro dell’1.39. Vinales ed il compagno di squadra Valentino Rossi si sono ritagliati anche del tempo per testare nuove soluzioni. In particolare, Yamaha ha portato un nuovo codino per migliorare l’aerodinamica della moto ed un nuovo scarico leggermente più lungo. Quest’ultimo già testato da Valentino Rossi nel venerdì del gran premio di Catalunya.

Secondo posto per Franco Morbidelli staccato di pochissimo dal collega del Team Ufficiale. Terzo si colloca Marc Marquez anch’esso impegnato in numerose comparative con i nuovi componenti portati da Honda. In particolare il leader della classifica iridata ha testato un nuovo telaio ricoperto da fibra di carbonio e alcune soluzione aerodinamiche. Marquez ha eseguito anche una comparativa con una Honda che sembrava essere quella del Team LCR guidata da Nakagami, segno del fatto che la moto dello scorso anno potrebbe essere ancora competitiva. Il talento spagnolo si è reso anche protagonista di una caduta senza riportare conseguenze. Il compagno di squadra Jorge Lorenzo ha anch’esso testato il nuovo telaio ed alcune soluzioni in grado di migliorare la comodità in sella.

Quarto tempo siglato da Alex Rins con la Suzuki che sembrerebbe aver testato un nuovo telaio capace di garantire alla moto maggior stabilità in frenata ed inserimento curva. Quinta e sesta posizione per i due Rookie d’eccellenza Quartararo e Bagnaia, il primo dei due fresco conquistatore del primo podio in MotoGP. Bagnaia invece è anche incappato in una scivolata senza conseguenze.

Diverso il lavoro in casa Ducati dove la quantità di novità superava di gran lunga quello delle concorrenti. La casa di borgo Panigale infatti ha testato sulla moto di Jack Miller un nuovo codino, più grosso rispetto a quello della GP19, che dovrebbe essere in grado di smorzare le vibrazioni sulla ruota anteriore. Provato anche un nuovo telaio ed un nuovo capolino da parte di Dovizioso e Petrucci. Il ternano ha provato anche un nuovo copri serbatoio ed una appendice aerodinamica sul cupolino. Gli alfieri si sono collocati al nono posto, Jack Miller, undicesimo e dodicesimo Petrucci e Dovizioso.

A seguire la classifica completa dei Test:

 

Commenta