Diramato il comunicato ufficiale da parte dell’organizzatore del FIM WorldSBK Championship: solo 18 saranno i pretendenti al titolo della massima classe, mentre si infoltisce la griglia di SSP e SSP300.

Ormai tutto è deciso: a poco più di un mese dal via del campionato sono stati ufficializzati i piloti che prenderanno parte alla prossima stagione del mondiale delle derivate di serie.

SUPERBIKEnon passa inosservato il minimo storico registrato dalla classe principale. Con soli 18 partecipanti si potrebbe pensare ad un flop, ma se si guarda attentamente il potenziale di piloti e team si prospetta una stagione interessante, soprattutto per far tremare l’impero di Jonathan Rea costruito negli ultimi anni insieme a Kawasaki.

Esce Aprilia MV Agusta, ma al loro posto c’è il grande ritorno con il team ufficiale di BMW e Honda, accompagnati dalla novità della Ducati Panigale V4R affidata alle mani di un ex-MotoGP com Alvaro Bautista.

Kawasaki si difende ripescando dal cilindro del BSB il campione in carica Leon Haslam consegnando Tom Sykes nelle fresche braccia della casa tedesca.

Chiudono il sipario Sandro Cortese e Marco Melandri con il nuovo team GRT in rinforzo alla crescita di Yamaha.

SUPERSPORT: nella classe di mezzo sarà ancora battaglia tra Jules Cluzel (Yamaha GMT94), Lucas Mahias (Kawasaki Puccetti Racing), Randy Krummenacher (BARDHAL Evan Bros.) e il suo nuovo compagno di squadra Federico Caricasulo.

Subentra nel Kallio Racing, al posto del campione del mondo Sandro Cortese, Isaac Viñales: classe ’93, cugino del pilota Yamaha in MotoGP, nelle file del motomondiale per gli ultimi otto anni decide di saltare nella sponda delle derivate di serie per mettere in mostra il suo talento.

Stessa sorte anche per Federico Fuligni che dalla Moto2 passa alla sella della MV Agusta in rinforzo al confermato Raffaele De Rosa. Chiudono il gruppo di italiani Ayrton Badovini (Kawasaki Pedercini Racing) e i due giovani del Honda Cioiciara CorseGabriele Ruiu Alfonso Coppola.

SUPERSPORT300: le nuove regole sembrano aver dato i primi frutti con una lista d’iscritti che vanta ben cinquanta piloti. Ana Carrasco, unica donna visto il passaggio di categoria da parte di Maria Herrera, proverà a difendere il titolo ottenuto la scorsa stagione dalle grinfie dei soliti noti e dal rientrante Marc Garcia.

Molta qualità tra i nostri portacolori che tenteranno l’assalto al primo titolo mondiale SSP300 per la nostra nazione: Filippo Rovelli, Paolo Giacomini, Bruno Ieraci, Jacopo Facco, Kevin Sabatucci, Omar Bonoli, Kevin Arduini, Manuel Bastianelli e Marco Carusi.

Commenta