Delineata la griglia di partenza di Gara1 sotto l’acqua di Magny-Cours. È Jonathan Rea a fare un altro mestiere mettendo dietro tutti piloti, messo in pericolo però da Michael van der Mark e Leon Haslam allo scadere.

Partenza di sessione ritardata a causa della copiosa pioggia caduta nella mattinata, che ha costretto gli addetti ai lavori ad adottare soluzioni per pulire la pista dai rigagnoli d’acqua.

Superpole presa con le pinze da tutto lo schieramento che si preoccupa di inanellare giro dopo giro in attesa di raggiungere il feeling adatto con l’asfalto bagnato, fatta eccezione per il solito Jonathan Rea che si dimentica delle condizioni precarie e segna subito il miglior passaggio lasciando a oltre due secondi il primo degli inseguitori.

Lotta a due nel finale di turno con Michael van der Mark che tenta di assaltare il super tempo del pluricampione in carica, ma senza successo per l’olandese che si accontenta della seconda posizione a soli 14 millesimi dal pole-man che, a sua volta, non riesce a migliorare a causa del passo più lento di Kyionari sulla sua traiettoria.

Apre la seconda fila un ottimo Michael Rinaldi seguito dagli esperti del bagnato Loris Baz e Tom Sykes, che in sella alla sua BMW non ha brillato come ci si aspettava. Ducati ufficiali fuori dalla top 10 con Chaz Davies in 11ª posizione (+2.316) e Alvaro Bautista in 14ª (+2.579) a far da panino sulla grande prestazione degli italiani Alessandro Delbianco e Marco Melandri.

Ore 14:00 il via a Gara1

Ordine di partenza:

Commenta