Dopo un periodo col futuro incerto Rinaldi trova un accordo con il team GoEleven per pilotare la loro Ducati con sospensioni Bitubo.

Michael Ruben Rinaldi sarà in WSBK anche nel 2020. Dopo aver concluso il contratto con il Team Barni il riminese classe 1995 ha firmato un contratto con il team gestito da Gianni Ramelli.

Dopo quanto di buono proposto nel 2018 nelle apparizioni europee con il team Aruba, il 2019 con il radicale cambio di moto è stato forse più complicato del previsto. Per il campione Superstock 2017 arriva l’opportunità per continuare la sua crescita nella classe regina delle derivate di serie e puntare in alto insieme al Team GoEleven.

Grande entusiasmo da entrambe le parti per questa nuova avventura, ecco le dichiarazioni degli interessati:

Denis Sacchetti (Team Manager):
Inutile nascondere l’entusiasmo, sono davvero felice di poter lavorare con un ragazzo così grintoso e con tanta fame di risultati. Michael è la giovane promessa italiana del Mondiale Superbike. Il suo grande talento è indiscusso, al suo primo anno completo di mondiale, ha già sfiorato il podio, e questo dice tutto sul potenziale di crescita che ha Rinaldi. Il Team Go Eleven ci teneva particolarmente ad averlo in squadra; crediamo sia uno dei piloti più interessanti nel panorama italiano e siamo convinti che potrà fare molto bene con noi.

Michael Ruben Rinaldi (Rider):
E’ un piacere ed un onore avere questa opportunità con il Team Go Eleven!
Sono felice perché grazie a loro, che mi hanno cercato e voluto, siamo riusciti a trovare un buon accordo. Il mio obiettivo rimane quello di continuare a crescere perché sarà solo il mio secondo anno consecutivo in Superbike. Potremo ottenere buoni risultati e riusciremo ad avere una costanza migliore rispetto allo scorso anno. Ringrazio Denis Sacchetti, Gianni Ramello e tutti gli sponsor per avermi dato questa opportunità. Non vedo l’ora di iniziare a Gennaio, nei test, per arrivare pronti alla prima gara e toglierci delle belle soddisfazioni!

Commenta