Il pugliese affiancherà Michael Rinaldi in occasione del round italiano. 

Arriva un’altra grande opportunità in palcoscenici mondiali per il collaudatore di lusso Michele Pirro! Il pilota Ducati, appena sceso dalla desmosedici dove ha ottenuto un grande settimo posto in occasione del GP del Mugello nella classe MotoGP, annuncia la sua partecipazione nel WorldSBK con il Barni Racing Team per la tappa di Misano, in programma dal 21 al 23 Giugno.

Dal 2015 l’alfiere di San Giovanni Rotondo domina il campionato italiano velocità classe Superbike insieme al team di Calvenzano; per lui si tratterà di un ritorno al Mondiale delle derivate di serie dove ha già corso – in sella a una Ducati Panigale R – nel 2013, a Magny-Cours, e nel 2015 a Misano e a Jerez, ottenendo un sesto posto come miglior risultato.

“È una grande soddisfazione poter schierare la seconda moto nel mondiale Superbike. L’accordo con Michele Pirro per una wild card a Misano è la conclusione di un percorso cominciato oramai qualche anno fa nel CIV, potarlo a correre insieme a noi anche nel mondiale è un traguardo che mi riempie di orgoglio. Dovremo raddoppiare gli sforzi, ma in questo modo siamo riusciti a rendere ancora più speciale la gara di casa per noi e per i nostri fan. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza la disponibilità della Ducati, il sostegno degli sponsor e del nostro partner Gianbo che ha collaborato con noi al progetto. A loro va il mio ringraziamento più grande, oltre che a tutti i miei collaboratori che mi supportano quotidianamente” le parole di Marco Barnabò, Team Principal del Barni Racing Team.

Questa invece la dichiarazione di Michele Pirro:
“Dopo tanti successi a livello nazionale sono molto contento dell’opportunità che il Barni Racing Team è riuscito a creare per permettermi di misurarmi in un contesto prestigioso come quello del mondiale Superbike. “Barni” ha fatto un grandissimo lavoro per rendere possibile questa avventura, devo ringraziare lui e tutti quelli che hanno creduto in questo progetto, dagli sponsor alla Ducati che mi ha concesso la possibilità di correre. La Ducati Panigale V4 R ha dimostrato di avere un grande potenziale e io cercherò di dare il mio contributo per migliorare il pacchetto tecnico che il team ha a disposizione con il massimo impegno sia in pista sia nel lavoro coi meccanici. Non sarà una gara facile perché il livello del mondiale è molto alto, ma l’obiettivo è quello di ottenere il miglior risultato possibile”.

Commenta