Con più di tre decimi di distacco Jonathan Rea porta la sua Kawasaki in pole position a Imola. Scivolata per Davies

Jonathan Rea interrompe il dominio Ducati riguardo le pole position a Imola e con un giro impressionante prenota la prima casella per Gara1. Il nordirlandese stacca il compagno di squadra di ben 312 millesimi ed è apparso addirittura arrabbiato con se stesso a fine turno, reo di non aver compiuto un giro privo di errori. La seconda posizione di Tom Sykes sottolinea i progressi e la bontà degli aggiornamenti apportati alla ZX-10RR dal Team ufficiale Kawasaki per il round all’autodromo Enzo e Dino Ferrari.

Dopo due anni consecutivi davanti a tutti nelle qualifiche deve invece accontentarsi del terzo tempo Chaz Davies, distante 365 millesimi: l’alfiere Ducati è stato vittima di una leggera scivolata alla variante bassa nei minuti fondamentali della Superpole e probabilmente ha perso, oltre al tempo prezioso, anche confidenza con la propria Panigale. In quarta casella Marco Melandri, a +0.430: il pilota è apparso molto efficace in gran parte della pista ma lamenta un brutto feeling con la propria 1199R alle “acque minerali”, che di fatto ne hanno compromesso il best lap.

Bene Xavi Fores con il quinto tempo, il primo tra i non ufficiali nonostante un ritardo dalla vetta che sfiora i nove decimi. Sesto un rinato Eugene Laverty, passato addirittura per la Superpole1 ma che sembra aver trovato la giusta sintonia con la RSV4 nel turno successivo. In settima posizione, con un distacco superiore ad un secondo, la Mv Agusta di Jordi Torres, davanti al pilota Aruba Ducati Michael Rinaldi ed a un deludente Lorenzo Savadori: il numero 32 era risultato in gran forma in tutti i turni e sicuramente si aspettava di più da queste qualifiche. Alex Lowes chiude la top ten con la prima delle Yamaha,  in evidente difficoltà nel circuito romagnolo, visto anche il dodicesimo tempo di Michael Van Der Mark; tra i due la wild card Leon Haslam con la Kawasaki del team Puccetti.

Loris Baz è il primo dei piloti esclusi dalla Superpole 1, con una BMW nervosa e quasi ingovernabile in gran parte del tracciato. La Honda cerca di limitare i danni: dopo la rinuncia di Leon Camier a prender parte alla gara a seguito dei postumi per il terribile incidente di Aragon, il sostituto O’Hallaran conquista la 18esima posizione. Il pilota proveniente dal British Superbike si toglie comunque la soddisfazione di piazzare le ruote davanti al compagno di squadra nonché pilota titolare Gagne, in una pista che tra l’altro non conosce.

Appuntamento ore 13:00 per Gara1. Sotto, la griglia di partenza.

WSBK 2018 - Imola, starting grid
WSBK 2018 – Imola, starting grid
Commenta